Misteri e curiosità del Santuario di Oropa

ll Santuario di Oropa è il più importante Santuario mariano delle Alpi. 

la sua origine è da collocarsi nel IV secolo, ad opera di S. Eusebio, primo vescovo di Vercelli. I documenti scritti che parlano di Oropa, risalenti all’inizio del XIII secolo, riportano l’esistenza delle primitive Chiese di Santa Maria e di San Bartolomeo, di carattere eremitico, che costituivano un punto di riferimento fondamentale per i viaggiatori che transitavano da est verso la Valle d’Aosta.

Il Santuario di Oropa è strettamente legato al culto mariano della Madonna Nera.

Secondo la tradizione, la statua della Madonna Nera, venne portata da Sant’Eusebio dalla Palestina nel IV secolo d.C. mentre fuggiva dalla persecuzione ariana.

La leggenda narra che Sant’Eusebio avrebbe nascosto la statua tra le rocce dove ora sorge la Cappella del Roc, costruita nella prima metà del Settecento dagli abitanti di Fontainemore, località valdostana ancora oggi fortemente legata al Santuario dall’antica processione che si snoda ogni cinque anni tra i monti che separano le due vallate. 

Il masso dentro al quale Sant’ Eusebio celò la statua della Madonna, scavando una nicchia all’interno della roccia, avrebbe secondo la voce popolare, poteri taumaturgici e propiziatori per la fertilità: le donne, in altre epoche, salivano fino al masso per strofinarsi su di esso allo scopo di avere buona fecondità.

La Basilica Antica è stata realizzata nel Seicento, in seguito al voto fatto dalla Città di Biella in occasione dell’epidemia di peste del 1599. Nel 1620, con il completamento della Chiesa, si tenne la prima delle solenni incoronazioni che ogni cento anni hanno scandito la storia del Santuario. La facciata, è arricchita da un portale che riporta in lo stemma sabaudo del duca Carlo Emanuele II, sorretto da due angeli in pietra. Sull’architrave del portale si trova scolpita l’iscrizione “O quam beatus, o Beata, quem viderint oculi tui”, che dai primi decenni del sec. XVII è il saluto augurale che il pellegrino, raggiunta la meta, riceve varcando la soglia della Basilica.

La Basilica Superiore è una costruzione dalle proporzioni monumentali che si trova allo stesso tempo in rapporto di armonia con le alte montagne circostanti e in lieve contrasto con la dimensione spirituale e raccolta dell’Antica Basilica. 

Il culto della Madonna nera è antichissimo. La Grande Madre Universale (o Cerere romana, Astarte, la materia nera delle concezioni alchiliche) fu trasposta all’interno del cristianesimo sotto le forme di una Madonna Nera. La tradizione di venerare statuette di Vergini Nere nei boschi e nelle foreste è antichissima.

Non distante dal Santuario sorgeva una delle prime strutture idroterapiche d’Italia, una di quelle che oggi sarebbe chiamata SPA o centro benessere. Si trattava dei Bagni Oropa.

Lo stabilimento fu fondato nel 1856 e successivamente venne ampliato per trasformarsi in un complesso idroterapico.

Ben frequentato dall’aristocrazia e dall’alta borghesia ottocentesca, Oropa Bagni era collocato in una posizione ideale al riparo dai venti e dall’umidità. Esso garantiva ai suoi ospiti ogni comfort legato alle cure termali, non mancava un ottimo ristorante e camere spaziose e lussuose. 

Tanto per capirci, tra la clientela del centro termale si annoveravano personaggi del calibro di Carducci, i Savoia e Marconi che pare abbia detto testuali parole «Nell’estate del 1894, dall’alta montagna di Oropa contemplando il biellese, pensai che l’uomo potesse trovare nello spazio nuove energie, nuove risorse e nuovi mezzi di comunicazione”.

Purtroppo già da decenni, della gloria dell’ex stabilimento termale non vi è più traccia, il complesso versa oggi in grave stato di abbandono e degrado.

Inoltre, come più volte riportato dagli organi di informazione, all’interno di questo ex complesso termale, si svolgerebbero macabri rituali che hanno dato adito a storie di fantasmi e presenze demoniache.

Social

Puoi seguirmi anche su

Pubblicato da Passeggiate nel Mistero - Gian Luca Marino

Gian Luca Marino scrittore e reporter del mistero

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: