Diario coronavirus /26

Il pranzo della domenica è cosa sacra anche e soprattutto in tempi di quarantena. 

Per il resto la giornata è trascorsa tranquilla nella quiete resa ancora più quieta dal nemico invisibile.

Ecco la prima pagina di oggi

Oggi non ho prestato particolarmente attenzione alle notizie, almeno la domenica mi occorre una pausa, un calo di concentrazione.

Nel pomeriggio ha piovuto e io e Westy ci siamo messi seduti sotto al portico a goderci lo spettacolo.

Ha un profumo tutto suo la pioggia soprattutto quando le prime gocce iniziano a bagnare il terreno.

Mio nonno mi diceva che quello era il momento buono per prendere i vermi che uscivano dalle buche. Servivano come ami per andare a pescare.

È singolare come la mente lavori per associazioni di idee. Io ho una memoria molto olfattiva quindi ho risentito quell’odore acre, penetrante e pesante delle alborelle appena tirate su dall’acqua della roggia dove andavo a pescare.

Tornato a casa mia nonna le puliva e le friggeva. Altri aromi, altri ricordi, altre associazioni di idee. Come l’orto e le galline.

Sì perché i miei tre nonni, due nonne e un nonno, avevano vissuto l’esperienza della guerra e si erano portati dietro negli anni, ognuno in modo autonomo e distinto, la cultura di avere un pezzo di terra e le galline per garantirsi sempre e comunque neri di prima necessità.

Così ricordo che da bambino entravo nell’aia in mezzo ai polli e ai tacchini (conservo ancora le fotografie) e camminavo in mezzo a filari di pomodori, insalata, coste, spinaci e altri ortaggi. E c’erano anche le fragole, quelle le mangiavo prendendole direttamente dalle piccole piante.

Io penso che dopo questo periodo varrà molto di più un piccolo appezzamento con una casetta e un po’ di terreno che un attico in centro a Milano.

Questa soluzione permetterà più distanziamento sociale, possibilità di stare all’aperto e di avere un minimo di sussistenza alimentare garantita.

Ci sarà un inurbanesimo, si tornerà alle campagne.

Forse…

Pubblicato da Passeggiate nel Mistero - Gian Luca Marino

Gian Luca Marino scrittore e reporter del mistero

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: