Cala Comte

Ibiza, anno 1235. La Isla sta per essere conquistata dalla corona spagnola. Il re Jaume I incarica tre grandi condottieri, tra cui Nunó Sanç, conosciuto come il Conte Rosselló. Alla fine della epica battaglia contro gli arabi, il Conte ottiene tutta la zona che va dal Cap Nunó (la collina sul mare dalla forma particolare appena dopo Cala Salada, visibile da tutta la Baia di San Antonio) fino alle spiagge del conte.

Proprio da lì deriva il nome di uno dei posti più incantevoli e conosciuti di Ibiza: Platges de Comte o Cala Conta.

Luogo di straordinario fascino naturale che vanta una delle spiagge più belle d’Europa, é composta da una serie di lidi di sabbia dorata, da calette rocciose, da grotte e da una torre di avvistamento, la Torre d’en Rovira.

L’orizzonte é composto da un pugno di isolotti di differente grandezza: Sa Conillera, la più grande, Illot d’es Bosc, la più vicina alla spiaggia, S’Espartar, di fronte alla parte più a sud e Ses Bledes, le più lontane.

Cala Comte è famosa per i suoi tramonti. Fino a qualche anno fa pensavo che questa affermazione fosse la solita trovata da brochure turistica per attirare le persone fino a quando, nel 2017, per la prima volta ho vissuto un tramonto a Cala Comte e ho cambiato idea.

Mi trovavo seduto in uno dei locali con vista sulla spiaggia, sul mare e sull’isola di Sa Conillera a godermi un mojito mentre un Dj sfornava rilassante musica chill out. Una bella atmosfera, vivace ma rilassante allo stesso tempo. Ad un certo punto, mentre la luce iniziava a scendere, le persone hanno girato tutte lo sguardo verso ovest. Il disco infuocato del sole stava scendendo nel mare e sembrava essere inghiottito lentamente da quell’enorme massa di acqua. Il cielo si colorava di un colore rosso acceso e regnava ovunque una calma surreale.

Sull’isola di Sa Conillera esiste una leggenda.

La storia di Davide Traversa

Tutti noi amanti dell’isola siamo stati almeno una volta a Cala Comte e tutti abbiamo potuto apprezzare, oltre al fantastico mare, l’arcipelago di isole che si staglia in fronte alla spiaggia, conosciuto con il nome di Illots de Ponents. Tra queste isole ce né una dal curioso nome di Sa Conillera, sulla quale si erge uno splendido faro. Quest’isola cela una leggenda: pare che proprio qui sia nato uno dei più grandi condottieri dell’antichità: Annibale.

Sembra che questa leggenda sia nata da un interpretazione di un passaggio del libro “Storia Naturale” di Plinio il Vecchio. È una leggenda tanto conosciuta che anche il famoso filosofo tedesco Walter Benjamin, cita questo fatto in una lettera al suo più caro amico. Cosa ancora più curiosa è il fatto che a Ibiza città esista un Carrer d’Annibal. Anche qui, ci siamo passati tutti. È la famosa “calle de las farmacias”, la via che conduce al portale principale di ingresso a Dalt Villa.

Ma c’é un’altra storia misteriosa: nel 2009 vennero scoperti i resti di quattro cadaveri interrati sull’isolotto. Uno di essi fu trovato con un proiettile di piombo nella colonna vertebrale e un altro decapitato con evidenti segni di tortura. Un altro ancora fu cremato. Non c’era alcuna traccia di indumenti che li potesse ricollegare a qualcosa. Tutti avevano avuto una morte violenta. Gli archeologi inviarono così i resti ad un laboratorio di Miami che li analizzò con il Carbonio 14 e il risultato fu che risalivano al XVI secolo. In quel periodo Ibiza subì duri attacchi da parte dei pirati, per cui l’ipotesi più accreditata è che, anziché essere gettati in mare come erano soliti fare, questi furono sepolti sull’isola.

Poco distante da Cala Comte si trova una zona, Sa Figuera Borda, divenuta celebre per una famosa grotta, che forma un ponte naturale di straordinaria bellezza. Sulla destra verso il basso si vede una piccola spiaggia paradisiaca ma raggiungibile solo via mare o via kayak. Invece alla sinistra della grotta, camminando sulle rocce, si può arrivare ad un altro ponte di roccia sospeso. La grotta è diventata famosa negli ultimi anni perché teatro di feste illegali, tanto da meritarsi il titolo di cueva de los raves

Tratto dal libro di Gian Luca Marino Ibiza misteriosa con le storie di Davide Traversa Undici Edizioni

Fotografie di Gian Luca Marino

Pubblicato da Passeggiate nel Mistero - Gian Luca Marino

Gian Luca Marino scrittore e reporter del mistero

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: